MUSEO STORICO ETNOGRAFICO DELLA BASSA VALSESIA ONLUS
Villa Caccia - Viale Antonelli 1, 28078 Romagnano Sesia (NO)
info@museostoricoromagnano.it - museo@pec.museostoricoromagnano.it
www.museostoricoromagnano.it - 342.1631245

 

News dal Museo Storico Etnografico

VENERDI 11 SETTEMBRE

Un uomo, una donna, un’auto. 

Esperimento di teatro che usa una location naturale e realistica, si potrebbe dire “cinematografica”. Quasi il piano sequenza di un film in cui i due protagonisti si cercano, urlano, litigano, si arrabbiano e si amano.  Il concept di IN MACCHINA ha origine in un brano della grande Mina degli anni ’70: “Devo tornare a casa mia”. Nella struggente ballata, una donna implora l’amante di lasciarla tornare dal marito. La trama è quella di due amanti che stanno andando al loro solito albergo per fare l’amore, quando lei viene presa dai sensi di colpa e dai dubbi. 

IN MACCHINA ha tutta la romantica banalità di una grande canzone d’amore, ma anche il godimento interno di una storia assolutamente sincera e normalissima. I due attori arrivano in scena in macchina, e gran parte del dialogo si svolge all'interno della vettura. Perché è la macchina, appunto, il terzo personaggio, il personaggio nascosto: quella cosa in cui si sviluppa tanto della nostra vita, angolo oscuro e segreto che protegge e allo stesso tempo denuncia gli amanti. Nell'auto nascosto c’è un microfono, mentre il pubblico è seduto tutto attorno all'auto, e ci guarda dentro, una sorta di drive-in al contrario. IN MACCHINA è uno spettacolo cinematografico, normale, quotidiano, di totale immedesimazione. Il pubblico questo lo percepisce. Il pubblico è vicinissimo agli attori e non ha più la sensazione di partecipare ad uno spettacolo ma di spiare dietro i finestrini dell’auto una vera coppia di amanti. 

Biglietti a 10 euro. In prevendita consigliata presso il Teatro Coccia
ONLINE
https://biglietteria.fondazioneteatrococcia.it  Sezione “Altri eventi”
BIGLIETTERIA TEATRO COCCIA, Via F.lli Rosselli 47. 
Orari di apertura:
- dal martedì al sabato, esclusi festivi, dalle ore 10.30 alle ore 18.30
Biglietti in vendita anche il giorno di spettacolo presso Villa Caccia.

Per info su serate e spettacoli
www.cabiriateatro.com /
 info@cabiriateatro.com

MUSEO STORICO ETNOGRAFICO DELLA BASSA VALSESIA ONLUS
Villa Caccia - Viale Antonelli 1, 28078 Romagnano Sesia (NO)
info@museostoricoromagnano.it - museo@pec.museostoricoromagnano.it
www.museostoricoromagnano.it - 342.1631245

Sabato 12 settembre

Tra natura e poesia a Villa Caccia

 
Parlare di Natura e Poesia è una necessità dei tempi. “La poesia della natura, la natura della poesia” è il titolo dell’evento organizzato dal Museo Storico Etnografico della Bassa Valsesia di Romagnano Sesia, in collaborazione con la scrittrice Maria Rosa Panté.
La serata avrà luogo sabato 12 settembre alle 21.00 nel cortile di Villa Caccia, dove sarà possibile rispettare le normative sul distanziamento sociale.
All’apertura sarà proiettato “Breve storia del paesaggio attraverso la poesia”, video realizzato a cura dell'Associazione Culturale Molecole inerente al rapporto tra poesia e natura.
Creato durante i mesi di quarantena, la proiezione vede Lucilla Giagnoni, sui testi di Maria Rosa Panté, unire in una narrazione poesie di autori che attraverso il tempo e lo spazio ci parlano del paesaggio: dalla lirica greca di Saffo alla Divina Commedia di Dante, da Emily Dickinson a Cecilia Meireles, da Pascoli ai Vittorio Sereni e Antonia Pozzi.
A seguire, sarà presentato il libro “Orto-grafia”, raccolta di poesie di Maria Rosa Panté: un inno alla natura in una delle sue forme più quotidiane, l'orto. “Le poesie parlano di zucchine, fragole, fiori, mele, api e zucche. Pomodori, insalate, farfalle.” dice l’autrice, “Perché dove io ho l’orto ho queste piante e questi animali, in altro luogo avrei forse scritto di elefanti e noci di cocco… Chissà, sarebbero sempre maestre. ‘Io vivo nei semi’ è il primo verso della prima poesia, di questo parla il libro, di una trasformazione da donna a farfalla a filo d’erba”.

News dal Museo Storico Etnografico

ATTENZIONE!


Per motivi organizzativi, tutte le attività previste da venerdì 11 a domenica 13 settembre sono sospese.
 
Pertanto lo spettacolo "In macchina", previsto per venerdì 11.09 alle 21.00, e la serata "La poesia della natura, la natura della poesia", in programma per sabato 12.09 alle 21.00, sono sospesi.
 
Il Museo resterà inoltre chiuso al pubblico durante gli orari di apertura.
 
Ci scusiamo per il disagio.

MUSEO STORICO ETNOGRAFICO DELLA BASSA VALSESIA ONLUS
Villa Caccia - Viale Antonelli 1, 28078 Romagnano Sesia (NO)
info@museostoricoromagnano.it - museo@pec.museostoricoromagnano.it
www.museostoricoromagnano.it - 342.1631245

 

Settembre in Musica a Villa Caccia


 
 
Programma

Wolfgang Amadeus MOZART (1756-1791)
Quartetto con pianoforte in sol minore K 478 I Allegro-II Andante-III Rondò (Allegro)

Johannes BRAHMS (1833-1897) Quartetto con pianoforte in sol minore op.25 I Allegro-II Intermezzo-III Andante con moto-IV Rondò alla Zingarese


Gli Interpreti

MATILDE BERTO Violino
Iniziato precocemente lo studio del pianoforte con i genitori, si dedica poi al violino con Giacobbe Stevanato e si diploma con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Venezia, guidata da Maurizio Valmarana. Iscritta al biennio accademico con Ivan Rabaglia presso il Conservatorio Guido Cantelli di Novara, segue varie masterclasses. Premiata al Concorso “Peggy Finzi” di Venezia nel 2016 e 2017, nel 2019 vince le audizioni per l’Orchestra Giovanile Italiana e collabora con musicisti quali Daniele Gatti, Marco Angius, Jérémie Rhoher e Alexander Lonquich, tra altri. Ha suonato al Teatro la Fenice di Venezia in formazione cameristica come primo violino, al Teatro Malibran di Venezia, al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino di Firenze. In occasione dei festeggiamenti per la festa della Repubblica del 2019 si è esibita al Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. E’ membro stabile del Gruppo d’Archi Veneto.

MARTINA RASCHETTI Viola
Inizia lo studio del violino all'età di 5 anni con Anna Modesti e nel 2011 viene ammessa nell'Orchestra Giovanile della Svizzera Italiana al Conservatorio di Lugano, sotto la direzione della sua insegnante, con la collaborazione dei Maestri Enrico Dindo, Daniele Giorgi e Umberto Benedetti Michelangeli, partecipando a diversi tours e vincendo il primo premio al Concorso Internazionale "Summa cum Laude" tenutosi al Musikverein di Vienna. Dal 2015 si dedica allo studio della viola sotto la guida di Maria Ronchini presso il Conservatorio Guido Cantelli di Novara. Ha partecipato alle masterclasses con Danusha Waskievicz, Simonide Braconi, Simone Bernadini, Danilo Rossi e Bruno Giuranna ed è vincitrice di una borsa di studio per la masterclass 'Le altre note' nel 2019. Fa parte della Camerata Ducale Junior e collabora con l'orchestra del Teatro Coccia di Novara.

DAVIDE COCITO, Violoncello
Ha iniziato lo studio del violoncello con Cristiano Frisenda presso il Liceo Musicale Casorati di Novara e attualmente è iscritto al triennio accademico presso il Conservatorio Guido Cantelli di Novara con Andrea Scacchi. Ha frequentato Masterclasses con Johannes Goritzki, Csaba Onczay, Mario Brunello. Nonostante la giovane età ha partecipato a numerosi concerti, anche come primo violoncello, con la Futurorchestra di Milano, l’Orchestra Sinfonica Città di Magenta, l’Orchestra del Teatro Coccia di Novara, l’Orchestra e Ensemble NovArmonia, tra altre. Ha vinto il Concorso Nazionale di Interpretazione Musicale di Omegna.

MONICA CATTAROSSI, Pianoforte
E’ docente di musica da camera presso il Conservatorio Guido Cantelli di Novara. Dopo gli studi con Kostantin Bogino e la laurea in Musicologia ha iniziato una prestigiosa carriera di collaboratrice pianistica di artisti quali Julius Berger, Rocco Filippini, Antonio Meneses, Danilo Rossi, Dora Schwarzberg, presso l’Università Mozarteum di Salisburgo, l’Accademia di Pinerolo, “Walter Stauffer” di Cremona e Chigiana di Siena. Assieme al violoncellista Enrico Dindo, con il quale ha stretto una decennale e solida collaborazione artistica, ha registrato l’opera di Astor Piazzolla per violoncello e pianoforte. Per anni ha suonato in tutta Italia nei concerti organizzati dall’Associazione “Gioventù Musicale d’Italia” e assieme a Filippo Farinelli ha registrato l’opera completa di André Jolivet per due pianoforti, per l’etichetta Brilliant Classics. Come pianista dell’Orchestra Sinfonica “G. Verdi” di Milano ha inciso “Le mille e una notte” di Victor De Sabata per l’etichetta Universal, suonando con direttori quali Riccardo Chailly, Wayne Marshall e Zhang Xian, tra altri. Titolare della cattedra di accompagnamento pianistico presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano, ha tenuto master classes presso la Sapporo Music University, la Seoul Chamber Orchestra, l’Accademia di Musica di Danzica.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
.