COMUNICATI STAMPA COMUNE DI GATTINARA

Dr. Umberto Stupenengo

Ufficio Stampa Comune di Gattinara

A GATTINARA UNA GIORNATA DEDICATA AI MARTIRI DI VIA FANI

 

A 41 anni della strage di Via Fani il Comune di Gattinara in collaborazione con Mauro Rizzi, amico e conoscente della scorta di Aldo Moro, organizza per lunedì 14 ottobre in Villa Paolotti, una giornata dedicata alla memoria dei martiri di via Fani, in cui sono Caduti cinque uomini della scorta del presidente Aldo Moro per mano di terroristi senza scrupoli.

L’Italia in quel giorno del 16 marzo 1978 si ritrovò a vivere un’esperienza terribile, per questo il Comune di Gattinara ha voluto organizzare una giornata per non dimenticare una delle pagine più buie del secondo dopoguerra, dedicata al mattino, alle 10.30, agli studenti e alla sera, alle 21.00, a quanti vorranno prendere parte a questo momento di riflessione con chi ha vissuto direttamente quel dramma.

Nell’occasione Roberto Valentino, presenterà il romanzo “Gli angeli di Via Fani”, in cui narra gli ultimi due giorni di vita del Presidente Aldo Moro e dei suoi uomini. Il libro vuole essere un tributo agli uomini di scorta del Presidente e non ha alcuna connotazione politica e nel modo più assoluto non esprime giudizi sull’operato dello Stato in quei drammatici 55 giorni, che tennero con il fiato sospeso l’Italia intera.

Tra gli ospiti che parteciperanno al momento di riflessione, su uno dei fatti più oscuri della storia della nostra Repubblica, anche il prof. Giovanni Ricci, sociologo e criminologo e figlio dell’Appuntato Domenico Ricci, autista del Presidente Moro, in quella terribile mattina in via Fani.

Moderatore dell’evento la dott.ssa Roberta Martini, direttore del quotidiano LA STAMPA per la provincia di Vercelli.

«È doveroso – spiega il Sindaco di Gattinara Daniele Baglione – ricordare un dramma che ha colpito profondamente il nostro Paese; per questo, quando Mauro Rizzi mi ha proposto la possibilità di organizzare questa giornata ho subito accolto con favore la proposta. Per questa occasione abbiamo voluto coinvolgere anche gli studenti degli istituti superiori di Gattinara per ricordare anche ai più giovani quello che sono stati i cosiddetti “anni di piombo”.

Il libro, che sarà presentato in occasione di questa giornata, come ha sottolineato anche il giornalista Rai Alessandro Forlani, ridà vita alla scorta e agli uomini del Presidente Moro.

Ringrazio Mauro Rizzi per aver proposto questo evento nella nostra Città, l’autore del Libro Roberto Valentino e il Prof. Giovanni Ricci per aver accettato con entusiasmo il nostro invito».

A GATTINARA RIPARTONO I CORSI DI SCULTURA E MODELLAZIONE 

Con l’arrivo dell’autunno, presso i locali adiacenti al Peso Pubblico, in via Faglia, tutti martedì dalle ore 20.30, riprendono le attività della scuola di scultura e modellazione.

Un percorso aperto a tutti coloro i quali desiderano approfondire la passione per la scultura e anche a chi fino ad ora non si è mai cimentato in quest’arte.

Attraverso semplici lezioni didattiche e pratiche si riescono ad apprendere le principali tecniche di lavorazione del legno e di altri materiali, sviluppando così la manualità e la creatività.

I Corsi sono affidati agli scultori Giovanni e Fabio, che si propongono di far conoscere ai partecipanti le tecniche base per la scultura e la modellazione. Le lezioni sono prevalentemente di tipo pratico-esperienziale e hanno la finalità di fornire ai partecipanti un insieme di elementi tecnici di base per il disegno dei bozzetti, il modellato e la scultura, specifici per riuscire ad analizzare e a realizzare tridimensionalmente un oggetto.

DONAZIONI PER LA COMUNITÀ DI GATTINARA DA LA TABINA “LA TRAVÀ” E LA COMPAGNIA DELLA BOTTE “Mojito DiVino” 

LUVA, la Festa dell’Uva di Gattinara, come è noto, è una manifestazione che richiama decine di migliaia di persone con una positiva ricaduta economica per le attività della città. Proprio grazie all’ottimo riscontro avuto nei tre giorni il gruppo della “Tabina La Travà” e la Compagnia della Botte “Mojito DiVino” hanno voluto fare qualcosa di utile per comunità Gattinarese.

La Tabina “La Travà” con parte degli incassi della Festa dell’Uva ha donato un defibrillatore al Comune di Gattinara, un dispositivo salvavita importantissimo visto che, dati alla mano, ogni anno in Italia l'arresto cardiocircolatorio colpisce una persona su mille, con una stima di circa 55 mila casi ogni 12 mesi e una sopravvivenza del 3 per cento. Nei paesi in cui è diffusa la defibrillazione precoce, la sopravvivenza può raggiungere il 50 per cento.

Pertanto, la presenza dei defibrillatori nei luoghi pubblici rappresenta una sicurezza per tutti i Cittadini.

Mentre, la Compagnia della Botte “Mojito DiVino” ha voluto devolvere parte degli incassi al progetto “Ti prendo per mano”, un Progetto nato per restituire dignità alle persone più in difficoltà della nostra Comunità, che grazie al fondo appositamente costituito viene erogato, ai più bisognosi, un contributo in cambio di volontariato attivo a favore della Comunità gattinarese.

«Dal momento che la Festa dell'Uva è andata bene – commentano i rappresentanti dei due sodalizi - abbiamo deciso di fare qualcosa di utile per la nostra comunità».

«Grazie di cuore alla Tabina “La Travà” e ai ragazzi della Botte “Mojito DiVino” che hanno voluto fare queste importanti donazioni - ha dichiarato Daniele Baglione –. Grazie ragazzi! Per questi encomiabili iniziative l’una che consente di portare un primo soccorso, qualora ve ne fosse bisogno, in caso di attacco cardiaco e, l’altra, per finanziare un importante progetto sociale che ogni anno dà un po’ di dignità a decine di persone.

Un sentito ringraziamento, a nome mio e, idealmente, di tutta la collettività, agli amici della Tabina “La Travà” e della Botte “Mojito DiVino” che partecipano sempre attivamente alla vita sociale della nostra città».

 
 
 
 
 
 
 

 

.