COMUNICATI STAMPA COMUNE DI GATTINARA

Dr. Umberto Stupenengo

Ufficio Stampa Comune di Gattinara

 

UNA CASA PER MAMMA E PAPÀ

 

“Una Casa per Mamma e Papà” è il nome del progetto con il quale sarà realizzata una casa alloggio temporanea per genitori separati nell’appartamento confiscato alla criminalità organizzata di Via Faglia.

La destinazione dell’immobile, confiscato nel 1999, è, infatti, vincolata esclusivamente a scopi sociali quali, ad esempio, accoglienza di nuclei di persone in emergenza abitativa o altri usi valutati dall'Amministrazione che possano riconvertire positivamente gli spazi all'interno del tessuto sociale ed economico della comunità cittadina.

In quest’ottica, il Comune di Gattinara ha pensato e presentato un progetto innovativo nell’ambito del Bando per “Interventi in favore della prevenzione della criminalità e istituzione della Giornata regionale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie”. Gattinara è uno degli otto comuni del Piemonte, unico della Provincia di Vercelli, ad aver vinto il Bando, ottenendo 30.000 Euro, che l’Amministrazione utilizzerà per ristrutturare l’appartamento.

«Abbiamo pensato – spiega il Sindaco Daniele Baglione - di aiutare i genitori separati con difficoltà economiche, soprattutto nei primi mesi, quando trovare un alloggio, potrebbe essere difficoltoso. In questo appartamento, insieme ai servizi sociali, ospiteremo papà e mamme separati per il tempo necessario a trovare un’altra sistemazione».

Per l’assegnazione temporanea dell’alloggio, insieme al Consorzio socio assistenziale CASA, sarà predisposta una graduatoria, per la quale sono ancora da definire i criteri, sicuramente il reddito sarà un criterio basilare. La domanda dovrà essere presentata in Comune o direttamente al CASA.

 

RIQUALIFICATI I SERVIZI IGIENICI DEL CIMITERO COMUNALE 

Sono in fase di ultimazione i lavori per la completa riqualificazione dei servizi igienici del cimitero comunale.

L’intervento, richiesto anche da alcuni cittadini, ha riguardato la posa delle maniglie di ausilio nel servizio per disabili del Campo San Francesco e dei due servizi nel campo Santa Chiara e dei due servizi nel campo degli Innocenti.

«L’intervento – spiega il Sindaco Daniele Baglione - rappresenta anche una di forma di rispetto per un luogo sacro, oltre che per le persone, soprattutto anziane, che quotidianamente si recano al cimitero.

Devo ringraziare il consigliere delegato Francesco Patriarca per l’attenzione con cui ha seguito tutto l’iter dell’intervento».

«Ora i bagni sono stati rifatti completamente, – commenta Francesco Patriarca - serve soltanto la tinteggiatura dei muri. Oltretutto, adesso i servizi igienici del nostro cimitero sono a norma e usufruibili anche dalle persone disabili. Abbiamo così posto rimedio ad un inconveniente non di poco conto, oltre a ciò, abbiamo in previsione una serie di altri interventi per apportare sempre nuove migliorie al cimitero comunale».

 

 

FIBRA OTTICA: PROCEDONO I LAVORI DI AMPLIAMENTO DELLA RETE 

A Gattinara proseguono senza sosta i lavori per posare la fibra ottica e realizzare la rete a banda ultralarga che renderà disponibili servizi innovativi a cittadini e imprese con velocità di connessione fino a 100 Megabit al secondo.

«L’internet superveloce è già una realtà a Gattinara – commenta il Sindaco, Daniele Baglione – ma non tutte le zone della nostra Città sono coperte. Per questo motivo continuano i lavori, in questo caso realizzati da Infratel, per portare la fibra anche la dove, oggi, non c’è ancora. Per la posa dei cavi in fibra ottica verranno sfruttate le infrastrutture esistenti, come ad esempio quella per l’illuminazione della Città, tra Comune e Infratel o, dove necessario, verranno fatti gli scavi necessari»

 

 

NASCE IL PROGETTO G’ART

 

Gattinara si veste d’arte grazie al "Progetto “G'Art”. La forza di un'idea innovativa che trae forza dalla condivisione. L'obiettivo della nuova iniziativa, che sta partendo in questi giorni, promossa dall’Amministrazione comunale, insieme a Elisa Piga, una giovane gattinarese, appena laureata all'Università Bocconi di Milano in Economia e management per arte, cultura e comunicazione, è quello di coinvolgere artisti e appassionati, al fine di promuovere e realizzare eventi, corsi, manifestazioni e mostre, partendo dallo spazio espositivo di Villa Paolotti, per poi diffondersi a tutta la città.

“G’Art” è nato per essere un punto di riferimento per gli artisti e non solo che amano avere più scelte e momenti di condivisione artistica.

Lo scopo del progetto, viene spiegato in un video postato sui social dove si chiede di partecipare ad un sondaggio on-line, cliccando sul link indicato nel video stesso. Un semplice questionario con domande a scelta multipla, a cui hanno già risposto oltre 150 persone, utile per comprendere i gusti e gli interessi degli intervistati: si spazia dalla fotografia, all'arte culinaria, passando dalle arti visive e alle performance.

«La sala mostre di villa Paolotti, – spiega il Sindaco Daniele Baglione – sarà utilizzata come location di pregio per l'allestimento di mostre ma anche di eventi e corsi specifici. Grazie ai contatti di Elisa Piga potremo organizzare a Gattinara eventi artistici e culturali, come mostre, corsi o performance, portando nuovi artisti e molte novità per rendere ancora più viva l'offerta culturale della nostra Città.

Ora stiamo cercando di capire i gusti delle persone e quali sono i loro ambiti di interesse, grazie al questionario online».

Chi volesse proporre idee o condividere iniziative, può scrivere una mail a progettogart@gmail.com

 

 

GATTINARA ARRIVA LA “CA’ DI LIBBAR

 

A Gattinara arriva “La CA’ DI LIBBAR” un’altra originale proposta nella Città del Vino. La Ca' di libbar", che in dialetto gattinarese significa "la casa dei libri" è uno strumento per diffondere la cultura attraverso la lettura.

Inizialmente saranno installate cinque casette: una nei pressi della Biblioteca, una vicino al Municipio, una nel cortile di Villa Paolotti e una a San Bernardo nei pressi del campo sportivo, mentre una quinta sarà posizionata nel piazzale della Torre delle Castelle in modo, che si possano prendere i libri gratuitamente, sedersi sulla panchina gigante e leggerli davanti al panorama di Gattinara oppure con i bellissimi panorami dei nostri vigneti. Le casette saranno collocate in punti accessibili da tutti, in ogni momento, e controllati dalle telecamere.

Le casette sono piccole strutture in legno, che devono essere ancora colorate. «Proprio in questi giorni - spiega il Sindaco Daniele Baglione – saranno consegnate all'Asilo Patriarca, al servizio di igiene mentale dell'ospedale e all’artista gattinarese Chiara Valeri, per essere dipinte e personalizzate, e poi saranno posizionate».

Le “Ca’ di libbar” originariamente “Little Free Library” sono piccole casette di legno che contengono libri, in pratica mini-biblioteche all’aperto, libere e accessibili, dove ognuno può prendere un libro per portarlo a casa e, se vuole, riportarne un altro.

L’idea è nata nel 2010 negli Stati Uniti da Todd Bol, con lo scopo di promuovere la lettura e favorire la libera diffusione dei libri; in questo modo, infatti, i libri possono arrivare anche nelle case di chi non ha la possibilità di usufruire dei servizi delle biblioteche o più semplicemente non ha occasione di essere a contatto con il mondo della lettura per l’infanzia e non solo.

«Con la “Ca’ di libbar” il concetto tradizionale di biblioteca – conclude Baglione - cambia e si reinventa. Da classica raccolta di libri gelosamente custoditi, spesso lontana dai cittadini, la biblioteca diventa periferica, diffusa sul territorio e alla portata di tutti.

I passanti non devono far altro che aprire lo sportello delle casette e prendere in prestito un libro gratuitamente, ma possono anche donarne uno che hanno già letto.

Le casette dei libri creano modelli positivi a livello locale ed è soprattutto per questo motivo che riscuotono successo».